Taro - A cookie potato

20-03-2020

Ti sei mai chiesto come possiamo preparare i nostri Bubble Tea extra-purple senza utilizzo di coloranti?

Tutto nasce da una pianta che sembra uscita dalla serra di erbologia della professoressa Sprite: 
La Colocasia Esculenta

Foglie enormi,tropicali polinesiane che potreste trovare nel Bosco Verticale sul balcone dei Ferragnez.

Sottoterra queste straordinarie piante formano dei tuberi (“patate” per noi che non eravamo attenti all’ora di scienze) che all’interno sono di colore violaceo, il Taro.

Non chiedeteci perché ma il sapore delicatissimo e dolce sa di Biscotto!

Skippando tutti i processi di raffinazione per ottenere la polvere di Taro vediamo come possiamo pettinarla per diventare la protagonista del nostro “Taro Tapioca”:

3 cucchiai di polvere di taro mischiati con latte caldo dolcificato a piacimento (consigliamo di utilizzare Fruttosio, Miele o Stevia al posto delle zucchero classico)

Il latte caldo farà sciogliere per bene la polvere che rilascerà il colore viola che piace tanto!

Infine come abbiamo già visto per il “Matcha Tapioca” finiamo con una dose molto generosa di Tapioca ben cotta.

A differenza del Matcha che consigliamo di abbinare esclusivamente con Boba di tapioca o Jelly al Caffè per gli sperimentatori, con il Taro possiamo abbinare una Boba alla frutta (consigliamo frutti di bosco come Mirtillo o Lampone) 
Per i classici, la tapioca è ovviamente la morte sua

TARO Nasce patata, diventa biscotto